Il tirare al guinzaglio è uno dei comportamenti che la maggior parte dei proprietari lamenta.
Lo stesso comportamento può originare da cause anche molto diverse tra loro, vediamone alcune:

  1. i cani si muovono in modo diverso da noi. Osserviamoli da liberi: sono più veloci, generalmente più reattivi agli stimoli. Si fermano improvvisamente perchè hanno fiutato un odore interessante e ripartono rapidi per seguirne la traccia e così via. Insegnargli ad andare al nostro passo non è cosa semplice da apprendere, ci vuole tempo e pazienza da parte di entrambi
  2. hanno imparato che se loro tirano in una direzione noi li seguiamo: in questo modo diamo loro un segnale sbagliato. E’ importante fargli capire che siamo disponibili a portarli dove desiderano, a patto che non lo facciano trascinandoci
  3. sono troppo agitati per la felicità di uscire e perdono il controllo. In questo caso prima che sul guinzaglio è importante lavorare sullo stato di calma del cane. In caso contrario non riuscirà mai a concentrarsi abbastanza per poter apprendere qualsiasi cosa
  4. escono poco in passeggiata o non vengono mai lasciati liberi. In questo caso la prima cosa da modificare è la nostra gestione quotidiana. E’ importante fargli fare un maggior numero di uscite, più lunghe, più riflessive e comunicative e aumentare i momenti di libertà
  5. hanno paura degli stimoli esterni: auto, moto, persone, altri cani, ecc…In questo caso non ha senso lavorare sul guinzaglio ma la prima cosa da fare è lavorare sulle paure del cane per renderlo più confidente e sicuro di sè.

cane tira guinzaglio

Qualunque sia la causa per cui il cane tira al guinzaglio, la strada non è mai semplice e veloce.

Ci vuole sempre costanza, impegno e pazienza da parte dei proprietari e del cane stesso…e, naturalmente, l’aiuto di un istruttore cinofilo che imposti un percorso personalizzato.

Guarda il video “Perché il cane tira al guinzaglio” per saperne di più.

Buona passeggiata!

Cane che tira al guinzaglio: come comportarsi? ultima modifica: 2016-09-21T14:21:31+00:00 da irene sofia
FacebooktwitterpinterestmailFacebooktwitterpinterestmail