Quando è libero non si fa avvicinare

Home Forum Non torna al richiamo Quando è libero non si fa avvicinare

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  GIULYWHISKY 1 settimana, 3 giorni fa.

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #892

    GIULYWHISKY
    Partecipante

    Ciao Irene, sono una tua allieva affezionata perché grazie ai tuo video ho imparato un sacco di cose, che poi sono riuscita ad insegnare al mio cucciolone di un anno e mezzo, un border collie.
    E qui arriva il mio quesito: whisky, questo è il suo nome, ha imparato molto velocemente tutti i comandi quali seduto, terra, vieni, fermo. In casa è perfetto, quando poi andiamo fuori a camminare e lo libero è bravo perché non si allontana mai più di tanto, non esce mai dalla vista,non ha interesse per nessuno nè cani nè persone e in caso di pericolo come lo chiamo desiste dall’avvicinarsi a curiosare. Fin qui nessun problema, se non che quando lo chiamo lui non si avvicina mai più di un metro, è impossibile riprenderlo per legarlo, quindi lo libero solo quando so di avere la certezza che non ci sono macchine o pericoli vari e lo recupero solo se è stremato dopo i lanci del bastone o se si distrae. Vorrei poterlo liberare anche nei brevi tratti di boschetto e poterlo recuperare prima di entrare nella strada…come posso fare? ultimamento lo sto portando fuori a camminare(7/8 km 3 o 4 volte a settimana perché non vive con me) ma sempre con il guinzaglio e mi sento in colpa perché non si sfoga abbastanza e non è felice come quando è libero. Mi faccio troppi problemi io forse? vorrei avere un parametro per essere sicura di farlo divertire abbastanza, ma vorrei anche portarlo a giro tranquilla. Scusa per il lungo messaggio e grazie in anticipo del tuo aiuto.

    Ciao
    Giuly

    • Questo argomento è stato modificato 1 anno, 7 mesi fa da  GIULYWHISKY.

    #988

    irene sofia
    Amministratore del forum

    Ciao Giuly,fai bene a portarlo al guinzaglio e a liberarlo in luoghi sicuri finché non ha un ottimo richiamo. Probabilmente non si fa avvicinare perché non si fida, nel senso che teme appunto di essere legato e questo significa che il divertimento è finito. Bisogna fare un bel lavoro sulla fiducia e anche fargli fare delle attività quando è al guinzaglio, in modo che non lo viva esclusivamente come una costrizione. Prova anche a usare una lunghina: un guinzaglio fisso lungo almeno 10 metri, per tenerlo in sicurezza ma dargli più libertà di movimento.
    Guarda anche questi video:
    il richiamo 1° parte
    Come insegnare il richiamo – 2° parte

    #1005

    GIULYWHISKY
    Partecipante

    Ciao Irene, perdonami non avevo visto al tua risposta.
    Grazie, continuerò a portarlo a fare lunghe camminate con il guinzaglio lungo e fargli fare giochi. Nel frattempo lavorerò di più sul richiamo. grazie dei tuoi consigli!! un bacione a Pinta e al nuovo cucciolotto! In bocca al lupo 😉

    #1009

    GIULYWHISKY
    Partecipante

    Ciao Irene, volevo chiederti un’altra cosa: secondo te il fatto che lui viva con i miei suoceri che lo portano poco fuori e rigorosamente al guinzaglio intorno al quartiere, non fanno con lui ne’ giochi ne’ attivazione mentale, e poi con noi quelle 3/4 volte a settimana cambia completamente abitudini: giochi, comandi, nuovi trick, passeggiate/corse(legato perchè lo porto a correre con me), gioca libero con il freesbee e con il pallone, cerchiamo di liberarlo appena possibile(con tutti i rischi che comporta)…secondo te questo puo’ comportare confusione e portarlo a non farsi avvicinare per legarlo (come appunto ti dicevo)? Sono tanto confusa!! UN BACIONE A PINTA!! e GRAZIE in anticipo! 😘

    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 4 mesi fa da  GIULYWHISKY.
    #1230

    GIULYWHISKY
    Partecipante

    Ciao Irene,
    ti volevo aggiornare sulla situazione: è molto migliorata, adesso si fida di me e quando siamo fuori lo libero molto di più, ovviamente in condizioni sicure(boschi, passeggiate in montagna, pineta la mattina presto). Ho lavorato con lui cercando di farlo giocare tanto con quello che gli piace tipo il fresbee, facendo sessioni abbastanza frequenti di gioco, l’ho portato a fare lunghe ed intense camminate con il guinzaglio lungo, andiamo insieme a correre, gli ripeto spesso i vari comandi tipo vieni, andiamo e durante le uscite libero cerco più occasioni possibili per avvicinarlo ed avere un contatto con lui che non termina mai con il mettere il guinzaglio.
    Quando è possibile non lo uso neanche perché alla fine delle passeggiate va da solo alla macchina e non scappa più. I primi 10 minuti di passeggiata sono euforia e pazzia alo stato puro, ed ho capito che li non devo mai cercare di bloccarlo, ma lasciarlo sfogare, quindi cerco le condizioni logistiche ideali per fare ciò. Questi cambiamenti mi hanno portato ad avere più fiducia in lui(e forse anche in me stessa) e credo che lui abbia percepito questa sicurezza. Ci sono delle situazioni in cui è ancora molto “selvaggio”(se lo porto in pineta al mare ad esempio dove conosce il percorso per andare a fare il bagno) ma ho imparato a gestirlo a distanza e per fortuna obbedisce a tutti i comandi(vieni via-no-lascia) quindi non da fastidio ne’ agli altri cani ne’ alle persone e poi ho imparato dei trucchetti con i quali riesco a fregarlo per avvicinarlo quando prorpio non vuole.
    Insomma adesso le uscite con lui sono delle esperienze fantastiche, e spero, visto che ha ancora un anno e 10 mesi, che la cosa vada solo a migliorare.
    Grazie dei tuoi consigli.
    un bacione a te, a Pinta e alle tue cucciolotte.

    Ciao
    Giuliana

    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 2 mesi fa da  GIULYWHISKY.
    #1276

    irene sofia
    Amministratore del forum

    Ciao Giuliana, perdonami per la lunga attesa. Come forse sai tra meno di un mese diventerò mamma per la seconda volta e questo è stato un periodo molto impegnativo! Sono felicissima che la situazione sia migliorata, sei stata molto brava ad ascoltarlo e comprendere le sue esigenze e lui ti ha ricompensata con la fiducia. Continuate così!!! 🙂

    #1549

    GIULYWHISKY
    Partecipante

    Ciao Irene, come va con le piccole donne? ti scrivo per chiederti una curiosità. Innanzitutto posso dirti che la situazione con whisky è nettamente migliorata. Ti riporto dei casi specifici e mi scuso subito per il messaggio lungo, ma è necessario per farti capire:
    AL MARE IN SPIAGGIA: prima non riuscivo ad avvicinarlo, lui scappava come un pazzo e voleva giocare con il bastone. Riprenderlo era quasi impossibile se non inventandomi ogni volta una situazione curiosa diversa, e non abboccava a tutte. Adesso sta con me, vicino, mi porta il legno, fa il bagno, viene e si fa toccare.
    NEI CAMPI CON IL BASTONE: identica situazione della spiaggia
    NEI GIARDINI CON IL FRISBEE: prima lasciava il freesby ad una distanza tale da non poterlo avvicinare e dopo 5 minuti scappava e andava a farsi un giro per i fatti suoi, adesso sta con me, mi porta il freesby al piede e quando è stanco si sdraia sul mio piede per riprendere fiato.
    In tutto questo, fino a 4 mesi fa dovevo tenere il guinzaglio ben nascosto per riprenderlo, adesso in queste situazioni che ti ho elencato se tiro fuori i guinzaglio e gli dico: vieni whisky, adesso basta. lui si ferma e mi viene addirittura incontro qualche volta per farsi prendere. Ti immagini, io sono entusiasta. E ora arriva il motivo per cui ti ho scritto. Ieri sera, dopo averlo fatto giocare con il freesby dove si è comportato benissimo, ho deciso di rimettere il guinzaglio e portarlo a fare i bisogni. Presa da un attacco di fiducia ho pensato: lo libero, è una zona senza auto e pericoli, lo metto alla prova per vedere se riesco a riprenderlo quando voglio…e lui è scappato. Ha cominciato a correre come un folle, è infilato nel ruscello tra le ditte uscendone sporco di non so che. Se gli andavo incontro scappava più che mai. La distanza tra di noi non scendeva mai sotto i 20 mt. E’ stato circa 10 minuti a correre tra campi e fossi senza mai poterlo raggiungere. Alla fine ho preso il frisbee e come per magia è tornato docile.AIUTO IRENE, COSA è SUCCESSO?? Ho pensato subito a te, non riesco a capire questo atteggiamento…e se non lo capisco non so come risolverlo. Grazie per il tuo aiuto sempre prezioso. Un abbraccio
    Giuliana

Stai vedendo 7 articoli - dal 1 a 7 (di 7 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.