Sospendere gli antiparassitari in Inverno: sì o no? E’ una domanda lecita…

Vediamo in questo articolo perché è sbagliato sospendere i trattamenti antiparassitari durante la stagione invernale.

Molti proprietari si limitano ad applicare gli antiparassitari in Primavera ed Estate, periodo in cui pulci e zecche sono più attive, pensando che in Inverno questi parassiti non siano presenti.

Molti infatti associano l’infestazione da pulci con la permanenza all’aperto del cane o del gatto ma purtroppo questa credenza diffusa è errata.

Le pulci ci sono tutto l’anno e più fa caldo, più si moltiplicano. I parassiti non infestano infatti solo l’animale ma anche l’ambiente e trovano nelle nostre abitazioni riscaldate a temperatura costante un luogo perfetto in cui prosperare e fare uova, aiutate anche dal fatto che i proprietari hanno sospeso l’applicazione degli antiparassitari esterni.

cane pulci zecche antiparassitario

Ricordiamoci che l’antiparassitario è da considerarsi una prevenzione, non una cura: non ha senso pensare di non usarlo perché l’animale domestico non ha le pulci, ma perché continui a non averle.

Infatti succede spesso che proprio in Inverno i veterinari curino dermatiti allergiche da pulci in cani e gatti non adeguatamente protetti dagli antiparassitari. Qualcuno pensa che il veterinario guadagni consigliando o vendendo gli antiparassitari, ma in realtà guadagnerebbe molto di più a curare le conseguenze determinate da un’infestazione:

  • dermatiti
  • lesioni cutanee dovute al grattamento
  • anemia da carenza di ferro
  • allergia alla saliva delle pulci
  • perdita di pelo
  • irritazioni cutanee
  • infezioni batteriche.

Il veterinario quindi, conoscendo il cane e le sue abitudini, ha un ruolo fondamentale nella prescrizione di un protocollo di protezione antiparassitaria personalizzato.

veterinario cane pulci

Come avviene la contaminazione?

Normalmente, i cani e i gatti vengono assaliti dalle pulci mentre sono fuori in passeggiata e, una volta entrate in casa, le pulci si riproducono molto rapidamente. Anche l’uomo può portare in casa le pulci, quando le uova si attaccano ai vestiti o alle scarpe senza che se ne accorga.

Per questo motivo è importante utilizzare prodotti attivi sia nei confronti delle pulci adulte, presenti sul cane, che delle forme immature, presenti nell’ambiente o in alternativa ricorrere ai nuovi prodotti, in formulazione orale, che uccidono le pulci molto rapidamente, impedendo la deposizione delle uova e quindi le reinfestazioni.

Questo perché la maggior parte del ciclo vitale della pulce non si svolge sull’ospite ma nell’ambiente. Solo il 5% delle pulci infatti vive sull’animale mentre il 95% di uova, larve e pupe è disseminato nell’ambiente, come per esempio la cuccia, all’interno dei quali trovano condizioni protette e abbondante nutrimento.

Per quanto riguarda le zecche, anche il loro ciclo segue un andamento stagionale e tecnicamente d’Inverno non ci sono, ma ci sono specie che possono essere presenti per un periodo di tempo più prolungato e potrebbero arrecare danni. Inoltre quando ci sono inverni miti o più caldi della media, è probabile che qualche zecca torni. Anche loro sono vettori di pericolose patologie e quindi non bisogna sottovalutarne il rischio.

Il periodo più a rischio è proprio l’Autunno, poichè compaiono malattie dovute alla sospensione prematura dei trattamenti antiparassitari da parte dei proprietari.

Ricapitolando, se dobbiamo rispondere alla domanda “Quando mettere l’antipulci al cane e al gatto?” la risposta è semplice “Tutto l’anno”, rivolgendosi sempre al veterinario di fiducia per eseguire trattamenti mirati e specifici per ogni individuo.

Post realizzato in collaborazione con MSD Animal Health

cane pulci zecche antiparassitario

Gli antiparassitari si sospendono in Inverno? ultima modifica: 2017-10-27T13:43:29+00:00 da irene sofia
FacebooktwitterpinterestmailFacebooktwitterpinterestmail